home page - chi siamo - contattaci - collaborazioni - statuto.pdf - foto e panorami - parchitani nel mondo

 

 


L'Abbazia Santa Maria di Altofonte

Il Palazzo di Ruggero II

Ufficialmente per atto di devozione, nel 1306, Federico II fonda nel “solarium” del Parco, il Monastero di Santa Maria d’Altofonte (nella foto a sinistra), donandolo ai monaci Cistercensi, e costruisce la nuova chiesa che porta la stessa denominazione.

In conseguenza il castello di caccia normanno, viene profondamente trasformato. Inoltre il Re arricchisce il nuovo convento in maniera da trasformarlo in una vera baronia, come ci testimonia il privilegio redatto Messina il 28 giugno 1307 e 20 gennaio 1309. Egli, infatti, non solo dota con larghezza il monastero, ma

concede altri due privilegi ed ancora la facoltà delle genti e familiari del monastero di portare”armi vietate” e di fabbricare un fortilizio nel Casale di Sala di Partitico, che già appartiene al Monastero.

Ciò crea un vero rapporto feudale tra l’Abate di Altofonte ed il Re, tanto da sembrar logica la ragione di un ennesimo privilegio concesso: quello cioè di far parte del Parlamento quale membro  del braccio ecclesiastico presieduto dall’Arcivescovo di Palermo. Questa strategia è logica, perché nel rapporto feudale il clero meglio risponde per fedeltà al Re, ed anche perché esercitando o per sé o per gli altri la cura delle anime esso possiede gli strumenti più idonei a calmare gli spiriti e soffocare i primi passi verso una liberazione.

In conseguenza di ciò, i primi abitanti di Altofonte, coltivano le terre in parte a nome dei Romani Pontefici, in parte a nome di San Benedetto ed indirettamente pagano il tributo al re. Così prospera il convento per quattro secoli, e s’ingrandisce l’agglomerato urbano. Restauri e trasformazioni si hanno successivamente ad opera del Rev. Don Paolo Potenzano; nel 1568 ad opera di Scipione Rebiba, Abate del Parco, ed infine la ricostruzione del tempio voluta dal Cardinale Scipione Borghese, come del resto attesa lo stemma con la scritta sul frontone della Chiesa Madre di Altofonte.

Nel 1764 con la morte dell'ultimo abate, Giuseppe Barlotta, il convento viene soppresso e Ferdinando di Borbone, nel 1799 lo aggrega con tutte le rendite alla Commenda della Magione.

 

 

Il Palazzo di Rugegro II - particolare

Il Palazzo di Ruggero II - particolare

Il Palazzo di Rugegro II - planimetria

Abbazia: particolare

L'Abbazia dal lato nord

 

 

 

________________________________________________________________________________________

Il sito è stato realizzato interamente da Dino Adornetto - ©2008 Associazione turistica Pro Loco Altofonte - I contenuti di questo sito sono di proprietà esclusiva dell'Associazione
E' vietato pertanto qualsiasi utilizzo di testi, immagini o altro da parte di terzi senza l'espresso consenso dell'Associazione.